Frank Partnoy sull’Atlantic di questa estate analizza lo stato di salute delle banche e avverte che c’è la concreta possibilità di una crisi addirittura peggiore di quella del 2008.

Di seguito troverai l’intero articolo tradotto gratuitamente. In fondo delle considerazioni personali a riguardo.

Ringrazio Enrico Stucchi per lo spunto e Luca Rinaldi per il lavoro di traduzione.

Il sistema finanziario degli Stati Uniti potrebbe essere sull’orlo di una nuova crisi. Questa volta, potremmo non essere in grado di salvarlo.

Frank Partnoy. The Atlantic

Dopo mesi di convivenza con la pandemia, i cittadini americani sono ben consapevoli del bilancio che ha avuto sull’economia: filiere rotte, record di disoccupazione, fallimento delle piccole imprese.

Tutti questi fattori sono gravi e potrebbero impantanare gli Stati Uniti in una recessione profonda e prolungata. Ma c’è anche un’altra minaccia per l’economia.

Si nasconde nei bilanci delle grandi banche e potrebbe scatenare un cataclisma. Immaginiamo se, oltre a tutte le incertezze che circondano la pandemia, una mattina ci si svegliasse per scoprire che il settore finanziario fosse crollato.

Potresti pensare che una tale crisi sia improbabile, con i ricordi dell’incidente del 2008 ancora così freschi. Ma le banche hanno imparato poche lezioni da quella crisi e nuove leggi intese a impedire loro di assumersi troppi rischi non sono riuscite a farlo. Di conseguenza, potremmo essere sul precipizio di un altro crollo, diverso dal 2008 meno in natura che in gravità.

Questo potrebbe essere peggio. La crisi finanziaria del 2008 ha riguardato i mutui. Centinaia di miliardi di dollari in prestiti agli acquirenti di case sono stati riconfezionati in titoli chiamati obbligazioni di debito garantite, note come CDO.

In teoria, i CDO intendevano spostare il rischio lontano dalle banche, che prestano denaro agli acquirenti di case. In pratica, anche le stesse banche che hanno emesso prestiti per la casa scommettono pesantemente sui CDO, spesso usando tecniche complesse nascoste a investitori e regolatori.

Quando il mercato immobiliare ha subito un colpo, queste banche sono state doppiamente colpite. Alla fine del 2007, le banche hanno iniziato a divulgare decine di miliardi di dollari di perdite subprime-CDO. L’anno successivo, Lehman Brothers fallì, portando con sé l’economia.

Il governo federale è intervenuto per salvare le altre grandi banche e prevenire il panico. L’intervento ha funzionato – anche se il suo successo non sembrava assicurato in quel momento – e il sistema si è corretto.

Naturalmente, molti americani hanno sofferto a causa del crollo, della perdita di case, posti di lavoro e ricchezza. Un divario già preoccupante tra i ricchi e i non abbienti dell’America si è ancora allargato. Tuttavia, a marzo 2009, l’economia era in ripresa e il più lungo mercato toro della storia era iniziato.

Per prevenire una futura crisi, nel 2010 il Congresso ha approvato la legge Dodd-Frank. In base alle nuove regole, le banche avrebbero dovuto impegnarsi in meno prestiti, fare meno scommesse a lungo termine ed essere più trasparenti sulle loro partecipazioni.

La Federal Reserve ha iniziato a condurre “stress test” per mantenere le banche sotto controllo.

Il Congresso ha anche tentato di riformare le agenzie di rating, che sono state ampiamente accusate di consentire il tracollo dando il massimo dei voti a dubbi CDO, molti dei quali sono stati concessi prestiti subprime a mutuatari non qualificati.

Nel corso della crisi, oltre 13.000 investimenti CDO classificati come AAA, il rating più elevato possibile, sono falliti.

Le riforme avevano buone intenzioni, ma, come vedremo, non hanno impedito alle banche di ricadere in vecchie e cattive abitudini.

Dopo la crisi immobiliare, i CDO subprime sono naturalmente sfavoriti. La domanda si è spostata su uno strumento simile – e allo stesso modo rischioso -, che ha persino un nome simile: CLO, o prestito obbligazionario collateralizzato.

Un CLO cammina e parla come un CDO, ma al posto dei prestiti concessi agli acquirenti di case ci sono prestiti concessi alle imprese, in particolare alle imprese in difficoltà. I CLO raggruppano i cosiddetti prestiti a leva, i mutui subprime del mondo aziendale.

Si tratta di prestiti concessi a società che hanno esaurito al massimo il loro indebitamento e non possono più vendere obbligazioni direttamente agli investitori o beneficiare di un prestito bancario tradizionale.

Ci sono più di $ 1 trilione di prestiti con leva finanziaria attualmente in circolazione. La maggior parte è detenuta in CLO.

A meno che non lavori nella finanza, probabilmente non hai mai sentito parlare di CLO, ma secondo molte stime, il mercato dei CLO è più grande di quello del mercato dei CDO con mutui subprime ai suoi tempi d’oro.

La Bank for International Settlement, che aiuta le banche centrali a perseguire la stabilità finanziaria, ha stimato la dimensione complessiva del mercato dei CDO nel 2007 a $ 640 miliardi; ha stimato la dimensione complessiva del mercato CLO nel 2018 a $ 750 miliardi. Da allora sono stati creati più di $ 130 miliardi di CLO, alcuni anche negli ultimi mesi.

Proprio come i mutui facili hanno alimentato la crescita economica negli anni 2000, il debito societario a buon mercato lo ha fatto negli ultimi dieci anni e molte aziende si sono impegnate a farlo.

Nonostante la loro evidente somiglianza con il cattivo dell’ultimo crollo, i CLO sono stati elogiati dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell e dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin per aver spostato il rischio di prestiti con leva al di fuori del sistema bancario.

Come l’ex presidente della Fed Alan Greenspan, che ha minimizzato i rischi rappresentati dai mutui subprime, Powell e Mnuchin hanno minimizzato i problemi che i CLO potrebbero porre per le banche, sostenendo che il rischio è contenuto negli stessi CLO.

Queste visioni ottimistiche non quadrano con la realtà.

La Bank for International Settlements stima che, in tutto il mondo, le banche detenessero almeno 250 miliardi di dollari di CLO alla fine del 2018. Lo scorso luglio, un mese dopo Powell ha dichiarato in una conferenza stampa che “il rischio non è nelle banche”.

Due economisti della Federal Reserve hanno riferito che gli istituti di deposito statunitensi e le loro holding possedevano più di $ 110 miliardi di CLO emessi solo dalle Isole Cayman.

Un quadro più completo è difficile da trovare, in parte perché le banche sono state incoerenti nel segnalare le loro posizioni in CLO. Il Financial Stability Board, che monitora il sistema finanziario globale, ha avvertito a dicembre che il 14 % dei CLO – oltre 100 miliardi di dollari – non viene preso in considerazione (N.d.B.: ergo non viene dichiarato, tracciato).

Ho un conto corrente e un mutuo con Wells Fargo.

Ho deciso di vedere quanto la mia banca è fortemente investita in CLO. Sono elencati i suoi conti “disponibili per la vendita”. Si tratta di investimenti che una banca prevede di vendere ad un certo punto, anche se non necessariamente immediatamente. L’elenco contiene le categorie di attività sicure che ci si potrebbe aspettare: buoni del tesoro statunitensi, obbligazioni municipali e così via.

Accanto a loro c’è un articolo chiamato “prestito collateralizzato e altri obblighi” —CLO. Ho passato il dito sulla pagina per vedere il totale di questi investimenti, gli investimenti che Powell e Mnuchin hanno affermato sono “fuori dal sistema bancario”.

Il totale è di $ 29,7 miliardi. È un numero enorme. Ed è dentro la banca.

Dal 2008, le banche hanno tenuto più capitale a disposizione per proteggersi da una recessione, e i loro bilanci sono ora meno indebitati rispetto al 2007 e non tutte le banche hanno caricato su CLO.

Ma a dicembre, il Financial Stability Board ha stimato che, per le 30 “banche globali di rilevanza sistemica”, l’esposizione media ai prestiti a leva finanziaria e alle CLO era circa il 60 percento del capitale disponibile. Citigroup ha dichiarato CLO per un valore di $ 20 miliardi al 31 marzo; JPMorgan Chase ha riportato $ 35 miliardi (insieme a una perdita non realizzata sui CLO di $ 2 miliardi). Un paio di banche di medie dimensioni – Bank of California, Stifel Financial – hanno CLO per un totale di oltre il 100 % del loro capitale.

Se il mercato del prestito con leva finanziaria esplodesse, le loro passività potrebbero rapidamente diventare maggiori delle loro attività.

Come possono queste banche giustificare l’azzardo così estremo su quella che sembra una scommessa così rischiosa?
I difensori dei CLO affermano di non essere, in effetti, un gioco d’azzardo, al contrario, sono una cosa sicura su cui sperare.

Questo perché le banche possiedono per lo più il livello più rischioso e più alto di CLO.

Dalla metà degli anni ’90, il tasso di insolvenza annuale più elevato sui prestiti a leva è stato di circa il 10 percento, durante la precedente crisi finanziaria. Se il 10 percento dei prestiti di un CLO è predefinito, i livelli inferiori ne risentiranno, ma se possiedi il livello superiore, potresti anche non accorgertene. Tre volte più prestiti potrebbero essere inadempienti e tu saresti comunque protetto, perché gli strati inferiori subirebbero la perdita.

I titoli sono strutturati in modo tale che gli investitori con un’alta tolleranza al rischio, come gli hedge fund e le società di private equity, acquistino gli strati inferiori nella speranza di vincere alla lotteria.

Le grandi banche si accontentano di rendimenti minori e della sicurezza del livello superiore. Al momento della stesura di questo documento, nessuno strato classificato AAA di un CLO ha mai perso il capitale.

Ma quel rating AAA è ingannevole. Le agenzie di rating del credito classificano separatamente le CLO e il loro debito sottostante.

Si potrebbe supporre che un CLO debba contenere debito AAA se il suo livello superiore è classificato AAA. Lontano da esso. Ricorda: i CLO sono costituiti da prestiti alle imprese che sono già in difficoltà. Quindi che tipo di debito trovi in ​​un CLO?

Fitch Ratings ha stimato che ad aprile, oltre il 67% dei 1.745 mutuatari nel suo database di prestiti a leva aveva un rating B. Ciò potrebbe non sembrare negativo, ma il debito con rating B è un debito scadente. Secondo le definizioni delle agenzie di rating, la capacità di un debitore con rating B di rimborsare un prestito rischia di essere compromessa in condizioni economiche o economiche avverse.

In altre parole, è probabile che due terzi di quei prestiti con leva perdano denaro in condizioni economiche come quelle che stiamo attualmente vivendo.

Secondo Fitch, il 15 percento delle società con prestiti con leva finanziaria ha ancora un rating inferiore, a CCC o inferiore. Questi mutuatari sono all’apice del default. Quindi, mentre le banche limitano i loro investimenti CLO principalmente a livelli con rating AAA, ciò che possiedono veramente è l’esposizione a decine di miliardi di dollari di debito ad alto rischio. In quei CLO con rating elevato, non troverai un singolo prestito con rating AAA, AA o persino A.

***

Non mi sorprende venire a sapere che le persone protagoniste della crisi del 2008 sono ancora negli stessi posti di potere, pronte a causare un’altra crisi.
Non mi sorprende constatare i danni delle agenzie di rating, che hanno ancora (nonostante tutto!) un ruolo centrale nel contesto finanziario mondiale.
Non mi sorprende constatare che l’avidità superflua continua a essere il male di certi ambienti.

Purtroppo le mie aspettative sono forgiate dal ripetersi costante della storia, dall’attuazione di un eterno ritorno spudorato, dal reiterare le stesse azioni cieche e prepotenti.

L’unico problema che mi pongo è come sia possibile che si permettano certe mascalzonate la cui conseguenza principale è ridurre sul lastrico milioni di persone che nulla c’entrano con l’origine dei mali.

Non c’entra l’educazione finanziaria, c’entra la collusione mafiosa tra le fazioni che governano la finanza ignorando che le loro azioni virtuali hanno conseguenze reali e concrete estreme su di me, su di te, sullo stato in cui vivi.

C’entra l’ingerenza infernale di apparati governativi che per mantenere lo status quo sono disposti a scendere a patti con le peggiori malefatte.

Aspetto le illuminanti analisi ex-post che nulla cambieranno. Tanto poi si ricomincerà da capo, con anticorpi migliori rispetto al passato ma lo stesso inutili rispetto alle forzature future.

Concludo con una citazione del sempre sorprendente Luca Rinaldi: “viviamo nel migliore dei mondi possibili, con gli uomini peggiori possibili (d’altra parte qui si è giunti proprio con quegli uomini, ma la visione di lungo non è per i mortali)”

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here