Il petrolio è salito dopo che un rapporto indicava un calo delle scorte di greggio negli Stati Uniti e sui segnali che l’OPEC + non anticiperà il prossimo mese l’aumento delle forniture.

I futures a New York sono scambiati vicino a $ 40,50 al barile dopo aver chiuso con un +0,5% martedì.

L’American Petroleum Institute ha riferito che la scorsa settimana le scorte sono diminuite di 8,32 milioni di barili. Sarebbe il più grande drawdown da dicembre se confermato dai dati ufficiali che ci saranno mercoledì, suggerendo che sta rallentando l’eccesso di offerta .

L’OPEC + sta cercando tagli compensativi alla produzione in agosto e settembre da parte di membri che hanno mancato gli obiettivi nei mesi precedenti. La proposta, che potrebbe mitigare l’impatto della prevista ripresa delle forniture, sarà discussa mercoledì dal comitato di monitoraggio ministeriale del gruppo.


Il greggio è stato scambiato in uno stretto range intorno ai $ 40 al barile questo mese, poiché una minore offerta e il recupero della domanda sono bilanciati dal nervosismo per una pandemia che non è ancora sotto controllo in molte parti del mondo.

Un deterioramento delle relazioni tra Washington e Pechino sta anche offuscando le prospettive economiche globali, con gli Stati Uniti che hanno annunciato la fine dello status speciale di Hong Kong martedì.

La riduzione dei tagli all’offerta dell’OPEC + è già prezzata, ha affermato Howie Lee, economista della Oversea-Chinese Banking Corp. Il petrolio probabilmente rimarrà attorno ai livelli attuali per un po ‘, ma c’è un rischio al ribasso se la situazione del virus dovesse peggiorare, ha detto.

Il West Texas Intermediate per la consegna di agosto è aumentato dello 0,5% a $ 40,47 al barile al Nymex.

Il Brent per la scadenza di settembre è salito dello 0,5% a $ 43,10 dopo essere avanzato dello 0,4% martedì. La copertura temporale di tre mesi del benchmark globale è stata di 64 centesimi in contango – dove i prezzi dei future delle scadenze prossime sono più economici dei contratti con scadenza successiva – rispetto ai 70 centesimi in contango di lunedì.

La struttura del mercato indica che, sebbene ci sia ancora qualche preoccupazione per l’eccesso di offerta, è leggermente diminuito.

Un comitato tecnico dell’OPEC + che si è riunito online martedì ha delineato i piani per paesi come Iraq, Nigeria e Kazakistan di fare 842.000 barili al giorno di tagli nel corso dei prossimi due mesi.

Domanda della benzina in aumento.

L’alleanza dovrebbe annunciare che i suoi limiti globali di 9,6 milioni di barili al giorno – circa il 10% delle forniture globali – saranno allentati da agosto.

L’OPEC, nel frattempo, prevede che la domanda di petrolio tornerà ai livelli pre-virus entro il prossimo anno.

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio prevede che il fabbisogno di greggio aumenterà del 25% nel 2021, raggiungendo una media di 29,8 milioni di barili al giorno, superiore al livello richiesto nel 2019.

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here