Su Bloomberg oggi è uscito un articolo molto interessante riguardo la situazione delle banche ai tempi della pandemia, tra incertezze economiche, aiuti di stato in esaurimento e il covid-19 che non molla la presa. Ne abbiamo parlato lateralmente anche in “I principali attori della crisi finanziaria del 2008 sono tornati per il Coronavirus

Le sei maggiori banche statunitensi hanno appena tagliato $ 35 miliardi dai loro profitti per far fronte a uno tsunami di prestiti in sofferenza e hanno ammesso che non hanno idea di quel che succederà.

I dati suggeriscono che siano in corso perdite sui prestiti ma con questa serie di programmi governativi in aiuto di consumatori e imprese, si sono persi i classici riferimenti finanziari.

La percentuale di prestiti che vanno in sofferenza è diminuita inaspettatamente quest’anno anche quando milioni di americani hanno perso il lavoro. Le persone che hanno provveduto a posticipare i pagamenti su carte di credito e mutui hanno inviato assegni comunque.

È una situazione senza precedenti, che obbliga i dirigenti delle banche a fare previsioni su come andranno a finire la pandemia, la risposta del governo e cosa significhi per l’economia. 

Per adeguare le proprie riserve, Citigroup ha immaginato che la disoccupazione potrebbe migliorare un po’ del circa il 10% entro la fine dell’anno. Per dimostrare che è in grado di gestire tempi più difficili, JPMorgan Chase ha lanciato proiezioni superando il 20%.

Ma poi, quando i leader delle banche hanno rivelato le loro massicce disposizioni sui risultati del secondo trimestre, hanno anche invitato gli investitori a non fare troppo affidamento su quei numeri.

Relatori chiave alla conferenza Milken 2018
Michael Corbat

“Siamo in una circostanza completamente imprevedibile per il quale non ci sono modelli, né cicli da indicare”, ha detto agli analisti l’amministratore delegato di Citigroup, Michael Corbat.

“Sono tempi molto particolari”, ha dichiarato Jamie Dimon, CEO di JPMorgan. “Nella normale recessione, la disoccupazione aumenta, le insolvenze aumentano, le spese aumentano, i prezzi delle case diminuiscono. Ma non è successo nulla di tutto ciò. ” Invece, ha detto, “i risparmi sono aumentati, i redditi sono aumentati, i prezzi delle case sono aumentati”.

Ad esempio, il tasso di insolvenza sul debito dei consumatori – mutui, carte di credito, prestiti auto e simili – è sceso della metà, allo 0.7% tra la fine di marzo e la fine di giugno , secondo l’ufficio di credito Equifax.

Jamie Dimon
Jamie Dimon

Gli avvertimenti questa volta contrastano con la situazione che ha portato alla crisi finanziaria del 2008, quando le svalutazioni iniziali delle banche sui mutui in sofferenza fornivano assicurazioni che il peggio fosse passato, rivelandosi poi un errore gigantesco.

Quando Citigroup ha annunciato perdite di credito e commerciali per $ 5,9 miliardi il 1 ° ottobre 2007, l’allora CEO Charles Prince aveva previsto che gli utili sarebbero tornati alla normalità nel quarto trimestre invece la banca ha continuato a perdere $ 9,8 miliardi negli ultimi tre mesi di quell’anno e ancora peggio fu il 2008.

Potrebbe essere istruttivo confrontare i dati federali sul tasso di addebito netto che allora, con un tasso di disoccupazione del 10%, raddoppiò nel 2008 e nel 2009 prima di arrivare al 3.12% nel primo trimestre 2010.

Le banche sono entrate collettivamente nel secondo trimestre di quest’anno con riserve di perdita pari all’1,76% dei saldi dei prestiti. Ora le riserve di JPMorgan sono ora circa il 3% dei prestiti totali. 

Se l’intero settore bancario americano dovesse raggiungere quel livello, significherebbe più di $ 130 miliardi di accantonamenti solo per questo trimestre.

A complicare l’incertezza questa volta è l’imprevedibilità della pandemia. Gli americani, ad esempio, non riescono a contenere le infezioni prendendo provvedimenti che hanno funzionato in altre nazioni. Un’ondata di nuovi casi questo mese minaccia di compromettere ulteriormente il commercio in un momento in cui il governo aveva pianificato di ridurre il sostegno a consumatori e imprese.

Il sussidio di disoccupazione settimanale per milioni di americani scadrà alla fine di luglio. Un programma di finanziamento da 669 miliardi di dollari per milioni di piccole imprese dovrebbe concludersi all’inizio del mese prossimo. 

Un sondaggio condotto da Goldman Sachs  su tali mutuatari ha rilevato che l’ 84% prevede di esaurire i finanziamenti entro la prima settimana di agosto e solo il 16% è sicuro di poter continuare a pagare il personale senza ulteriore sostegno. Non è chiaro se il Congresso acconsentirà alle estensioni.

Ma anche se il governo ridurrà gli aiuti, potrebbero essere necessari almeno diversi mesi affinché le banche abbiano un’idea di quanti consumatori e aziende non riusciranno a rimborsare i debiti. 

“In primo luogo, dobbiamo iniziare a vedere le insolvenze”, ha detto agli analisti Jennifer Piepszak, CFO di JPMorgan.

Nel frattempo, si fanno congetture.

“È probabilmente il quarto e il primo trimestre del prossimo anno in cui inizieremo a vedere veramente quali sono le implicazioni dal punto di vista del consumatore”, ha detto Terry Dolan, CFO di U.S. Bancorp .

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here