Il Financial Times propone uno sguardo sulle aziende che hanno guadagnato maggiormente durante la pandemia.

L’S&P500 ha perso oltre il 34% a marzo 2020 a causa del lockdown dell’economia americana ma alcune aziende in settori specifici hanno fatto grossi affari, come nel settore biomedico, tecnologico e dell’ecommerce.

Il Financial Times ha usato come indicatore il valore aggiunto e ha selezionato 100 aziende, noi prendiamo le prime 15. I dati si intendono aggiornati al 19 giugno.

Il dettaglio per settori maggiormente performanti

1.Amazon – 401.1 miliardi

2.Microsoft – 269.9 miliardi

3.Apple – 219.1miliardi

4.Tesla – 108.4 miliardi

5.Tencent – 93 miliardi

6.Facebook – 85.7 miliardi

7.Nvidia – 83.3 miliardi

8.Alphabet – 68.1 miliardi

9.PayPal – 65.4 miliardi

10.T-Mobile – 59.7 miliardi

11.Pinduoduo – 55.2 miliardi

Il gruppo e-commerce ha beneficiato del fatto che centinaia di milioni di cinesi si sono rivolti allo shopping dal proprio smartphone piuttosto che ai centri commerciali. Con l’aumento della domanda per i suoi beni ultra-economici, il valore totale delle transazioni sulla sua piattaforma è aumentato e i ricavi sono aumentati del 44% nel primo trimestre. Il numero annuale di acquirenti si sta avvicinando rapidamente ai 726 milioni che fanno acquisti con il suo principale rivale Alibaba

12.Netflix – 55.1 miliardi

13.Meituan Dianping – 53.6 miliardi

Famosissima app per le consegne cinesi. Dopo una prima preoccupazione a marzo, le vendite e gli ordini sono tornati a esplodere, grazie al coinvolgimento anche dei ristoranti di fascia alta.

14.Shopify – 51.4 miliardi

15.Zoom Video – 47.9 miliardi

Portafoglio virtuale

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here