I prezzi del rame sono scesi venerdì, segnalando una pausa nell’impennata del metallo industriale, a causa delle crescenti preoccupazioni che il rally possa essere stato esagerato.

I futures sul rame per la consegna di ottobre sono scesi di circa l’1% a $ 6.030 tonnellate al London Metal Exchange.

Il calo arriva quando gli investitori lottano per riconciliare i segni di una ripresa economica globale con l’impennata delle infezioni da coronavirus negli Stati Uniti, che potrebbe causare una battuta d’arresto per i produttori.

La caduta arriva dopo un rialzo di oltre il 30% del prezzo del metallo dalla sua discesa a marzo, riflettendo l’ottimismo sul potenziale di una forte ripresa economica. Ciò ha contribuito a cancellare la maggior parte delle perdite della merce per quest’anno.

Il rame è considerato un barometro per la crescita globale, con i trader che lo soprannominano “Dr. Rame “in riferimento alla sua capacità di favorire i punti di svolta nelle prospettive economiche.

“C’è un po ‘di divergenza tra il prezzo del rame e la realtà economica, in parte perché è stata una ripresa asimmetrica a livello globale”, ha affermato Wenyu Yao, senior strategist delle materie prime presso ING Bank. “Ma finora lo ha fatto il dottor Copper: ha consegnato un rally a V.”

Un rilancio dell’attività economica cinese negli ultimi mesi ha contribuito a spingere in alto i prezzi del rame. La merce è particolarmente sensibile alla potenza produttiva asiatica, poiché la seconda economia mondiale è responsabile di gran parte della domanda globale di metallo.

La riapertura delle principali economie in Europa sta anche aiutando a rafforzare la domanda di metallo industriale, hanno detto gli analisti.

Il rame ha sovraperformato metalli come l’alluminio e il nichel, suggerendo che la sua ondata potrebbe essere stata “in qualche modo esagerata”, piuttosto che strettamente legata alla domanda e all’offerta, secondo Daniel Briesemann, analista di materie prime presso Commerzbank.

Tuttavia, ci sono poche aspettative per una brusca correzione dei prezzi del rame e alcuni strateghi prevedono che il mercato continuerà a salire. I prezzi del rame potrebbero raggiungere i 6.500 dollari a tonnellata nella seconda metà di quest’anno, secondo gli analisti di Bank of America a giugno.

Le misure di stimolo da parte dei governi di tutto il mondo che cercano di ricostruire le loro economie probabilmente spingeranno i prezzi verso l’alto, hanno affermato.

Le interruzioni dell’approvvigionamento dalla raccolta dei rottami all’estrazione del minerale a causa di focolai di virus possono anche continuare a sostenere i prezzi del rame.

In America Latina, due importanti produttori di rame, Cile e Perù, affrontano tassi di infezione da record. Ciò ha già causato un notevole disordine di approvvigionamento per il metallo e alcuni analisti prevedono che questo peggiorerà nelle prossime settimane.

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here