Le compagnie petrolifere statunitensi hanno aumentato la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno nelle ultime sei settimane, poiché hanno riaperto i pozzi chiusi all’inizio di quest’anno e iniziato a produrre da altri che hanno lasciato incompiuti a causa del calo dei prezzi.

La produzione ha toccato il fondo a 9.7mb/d nella seconda settimana di giugno ma da allora è salita a 10.9mb/d quando l’attività inizia a riprendersi nei grandi giacimenti di scisto del Texas, secondo Genscape, una divisione della società di consulenza Wood Mackenzie che monitora l’energia.

La produzione statunitense dovrebbe ora stabilizzarsi a circa 11 milioni di barili al giorno fino alla fine del 2020, affermano gli analisti. Questo dato è ben al di sotto dei 13mb/g di marzo prima della guerra dei prezzi russo-saudita e la pandemia di coronavirus che ha devastato i prezzi del petrolio negli Stati Uniti .

Produzione di petrolio US

È un recupero lento, ma sta avvenendo”, ha dichiarato Alexandre Ramos-Peon, analista senior presso Rystad Energy, una società di consulenza.

Nonostante tutto, l’attività di perforazione rimane debole. Il numero di impianti operativi è stato di soli 251 la scorsa settimana, rispetto a circa 800 a gennaio.

Ma le società di servizi petroliferi affermano che l’attività sta iniziando a riprendersi mentre gli operatori ridistribuiscono gli equipaggi per portare in produzione pozzi perforati ma non completati.

La particolarità di estrarre petrolio dallo scisto, il metodo che ha portato gli USA a diventare i primi produttori al mondo in pochi anni, è che i pozzi hanno il primo anno di intensa attività e di altissimo volume di petrolio estratto, per poi calare bruscamente.

Il rallentamento causato dal coronavirus ha inceppato questa enorme macchina e riattivarla è estremamente costoso.

L’anno scorso sono stati perforati più di 14.000 pozzi negli Stati Uniti, ma meno della metà di quel numero sarebbe stato trivellato nel 2020, ha affermato Nieboer.

Rystad prevede che la produzione statunitense crescerà di circa 500.000 barili al giorno nel 2021, dopo aver oscillato intorno agli 11 milioni di barili al giorno per il resto di quest’anno.

Questo dato è ben al di sotto dei tassi di crescita degli ultimi anni.

“Avremmo bisogno di vedere l’attività del fracking tornare alle migliaia (di pozzi) per vedere una tale crescita della produzione”, ha affermato Ramos-Peon. “In questo momento è come un ripristino del settore. Molti fallimenti, molti disincanto, meno investimenti.”

Il grande problema che affrontano i derelitti produttori di petrolio statunitensi è l’incertezza verso il futuro. L’espansione dei contagi e dei morti provocherà un secondo lock-down?

Se sì, tornerà lo squilibrio domanda-offerta e potrebbe segnare veramente la crisi del settore. Insomma, non possono far altro che ripartire, ma ripartire troppo velocemente potrebbe essere un problema.

Inoltre c’è la notizie di ieri di un uragano in arriva proprio in Texas, lo stato in cui si produce maggior petrolio in US e nella top-5 mondiale (sopra Iraq e Canada).

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here