In un articolo del Financial Times c’è un commento molto interessante riguardo gli effetti del lockdown causa covid-19 sul cacao.

I prezzi del cacao sono crollati a un minimo di 15 mesi mentre i consumatori bloccati a casa evitano di comprare in pasticceria.

La domanda di cacao, come ampiamente prevedibile, è calata quando ristoranti, hotel e negozi duty-free sono stati chiusi e le feste.

Di conseguenza, il prezzo di riferimento di New York per il cacao è diminuito di un quarto dalla fine di febbraio fino a $ 2.150 alla tonnellata.

Carlos Mera, analista delle materie prime di Rabobank, ha affermato che il calo ha rispecchiato il cambiamento delle abitudini dei consumatori in fase di lockdown. “Il fattore principale è che le persone non sono in vena di fare festa”, ha detto.

Gli analisti non puntano su una rapida ripresa, vista la lunga strada verso la normalità per le industrie dell’ospitalità e del turismo. “Non sembra che si tratterà di una ripresa a forma di V.”

“Nel migliore dei casi, sarà come il baffo della Nike”, ha dichiarato Eric Sivry analista presso il broker Marex Spectron. “Dobbiamo essere in grado di andare al ristorante, volare per lavoro o in vacanza perché la domanda torni davvero”.

Di veramente rilevante in questo quadro è che alcuni analisti affermano che il cacao è diventato un’utile guida per la salute dell’economia globale, poiché indicatori più convenzionali come il rame e le azioni continuano a crescere nonostante le misure di allentamento del blocco vengano interrotte in alcune parti del mondo.

“Dal momento più basso di marzo, sia [il rame che il cacao] si sono fortemente rafforzati nella convinzione che la ripresa fosse in corso”, ha dichiarato Ole Hanson, analistadelle materie prime presso Saxo Bank.

“Nel corso dell’ultimo mese, abbiamo assistito a un calo del prezzo del cacao, e si potrebbe sostenere che sia il riflesso più vero dell’economia globale”.

Tuttavia, altri analisti hanno avvertito che fattori come la correlazione con il meteo, rendono difficile usare il cacao come barometro per il recupero dei mercati.

Dal canto nostro, sta terminando il nostro famoso trade in spread proprio sul cacao. Abbiamo già da 3 mesi messo in salvo il profitto alzando lo stop.

Questa operazione ha marginato 200$ per un profitto finale minimo di oltre 800$. Il tutto lavorando veramente poco.

Il nostro approccio è sempre quello “sistematico“, ovvero dobbiamo sapere esattamente cosa fare in qualsiasi condizione di mercato PRIMA di entrare a mercato.

E così è stato.

Questo spread fa parte di una nota finestra stagionale che non ha affatto subito l’influenza del crollo dei mercati. Di seguito puoi vedere lo storico della stessa identica situazione lungo gli ultimi 54 anni anni.

Se vuoi conoscere meglio il nostro metodo, accedi al corso gratuito di 2 ore cliccando qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here