Oggi il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo che compara una delle prime bolle della storia, quella della South Sea a Tesla. Secondo Jason Zweig, infatti, le bolle non sono altro che conseguenza di un comportamento umano sociale molto diffuso: il bisogno di “appartenenza”, o meglio ancora la paura di non riuscire a salire “sul carro vincente” in tempo.

La bolla del Mare del Sud è la classica storia di una mania d’investimento. Gli investitori oggi sono più saggi?

Una azione raddoppia il suo valore e poi raddoppia nuovamente nel giro di poche settimane. Migliaia di persone che non hanno mai investito nelle loro vite improvvisamente cercano di battere il mercato.

Questa non è solo una descrizione di Tesla e dei clienti dell’app per smartphone Robinhood del 2020. È anche quello che è successo nel 1720. Trecento anni fa, una delle più grandi follie della storia finanziaria era al suo apice.

Nell’estate del 1720, le azioni della South Sea e altri titoli di spicco raggiunsero i massimi di tutti i tempi mentre gli speculatori inseguivano i profitti immediati. Da allora, questo improvviso scoppio del commercio di azioni è stato conosciuto come ” la bolla della South Sea“. 

Ancora più veloce di quanto si fosse gonfiata, scoppiò e ci lasciò lezioni sulla natura umana che valgono anche oggi.

Dal 10 luglio al 12 luglio 1720, le quote dei Mari del Sud sono salite a £950, con un aumento del 650% per l’anno. Royal Exchange Assurance e London Assurance hanno raggiunto il picco a fine agosto, con un sorprendente 1,243% e 4,220% l’anno, rispettivamente.

Poi, in tre catastrofiche settimane di settembre, tutto ha iniziato a crollare. Alla fine del 1720, questi titoli principali erano scesi tra l’81% e il 96% dal loro picco.

Le perdite furono devastanti perché la speculazione era stata così popolare.

Re Giorgio I, metà dei membri del Parlamento, Sir Isaac Newton, il poeta Alexander Pope e innumerevoli trader inconsapevoli avevano speculato sul Mare del Sud e su altre compagnie.

Sono stati tutti risucchiati da una tempesta perfetta: il rapido avvento dei giornali, i prestiti a bassi tassi di interesse e le narrazioni entusiasmanti sull’innovazione tecnologica. 

Soprattutto era l’eterno desiderio umano di far parte della folla, o quello che oggi chiameremmo FOMO, la paura di perdere. “La nostra specie è davvero un animale da branco”, afferma Andrew Odlyzko, un matematico dell’Università del Minnesota che ricerca bolle finanziarie.

Le bolle sono vecchie come i mercati finanziari. Anche nell’antica Babilonia, i prezzi delle materie prime hanno subito balzi e cadute improvvisi che non possono essere completamente spiegati dal tempo o dalla guerra.

Nel 1720, “l’odore del denaro era nell’aria come il respiro della primavera”, come diceva lo storico John Carswell. Quel solo giugno, 88 startup, la maggior parte delle quali quotate in borsa, furono lanciate a Londra. 

Hanno raccolto da £ 1.000.000 a £ 5.000.000 ciascuna (circa $ 190 milioni a $ 945 milioni nel denaro di oggi ), attingendo a quello che Daniel Defoe, autore di “Robinson Crusoe”, ha definito ” l’umore positivo della nazione proiettato nel futuro“.

Si riferiva che una governante di Londra avesse accumulato £ 8.000 di guadagni, almeno $ 1,5 milioni in denaro di oggi. Ci si scazzottava per il diritto di acquistare azioni; gli speculatori affollavano il distretto finanziario di Londra per acquistare azioni di qualsiasi società, urlando disperatamente “non ci importa di cosa si tratti “.

Le bolle finanziarie sono spesso citate come prove di irrazionalità, ma ciò che dimostrano è che gli investitori sono umani. Come un banchiere un tempo cauto, che gettò parte del proprio denaro nella South Sea, fece notare il 18 giugno 1720 : “Quando il resto del mondo è pazzo, in qualche modo dobbiamo imitarlo”.

Le nuove tecnologie dei media – giornali nel 1720, radio negli anni ’20, Internet negli anni ’90, social media e app per smartphone oggi – sono “il substrato culturale in cui può crescere una mania”, afferma William Deringer, storico finanziario del MIT.

Mentre si diffonde la voce che “tutti” stanno facendo qualcosa, può essere difficile per chiunque resistere alla tentazione. Gli umani hanno un profondo bisogno di appartenere a un gruppo. Investire in qualcosa di popolare ci fa sentire popolari.

Nella Londra del XVIII secolo, le caffetterie e le sale da ballo divennero centri di pettegolezzi del mercato. Una donna ha scritto: “Il Mare del Sud è tutto chiacchiere e moda. Le donne vendono i loro gioielli per comprare, e sono contente di essere dentro(al mercato) … Non c’è mai stato un momento come questo per guadagnare. ”

Due secoli dopo, l’analista finanziario Benjamin Graham scrisse del mercato rialzista che si concluse con lo schianto del 1929: “Innumerevoli persone si chiedevano: ‘Perché lavorare per vivere quando si può fare fortuna a Wall Street senza lavorare?'”.

Graham ha poi aggiunto ironicamente: “la conseguente migrazione dagli affari al distretto finanziario assomigliava alla famosa corsa all’oro verso il Klondike, con la differenza non irrilevante che nel Klondike c’era davvero l’oro”.

Oggi, la piattaforma online Reddit pullula di speculatori che si vantano dei loro grandi trade .

Neanche l’imitazione è sempre irrazionale. Ha aiutato i nostri antenati a tramandare il lavoro mentale e fisico e ad adattarsi più rapidamente ai mutevoli ambienti, afferma William Bernstein, neurologo e autore del prossimo libro “Le delusioni delle folle”.

Vedere molti altri che investono in qualcosa invia un segnale potente, anche se spesso impreciso, che potrebbe essere una buona idea.

Ciò può rapidamente fondersi in una narrazione, in cui la nostra immaginazione ci trasporta rapidamente in luoghi e tempi diversi. (“Diventerò ricco, proprio come hanno fatto loro.”) Una buona storia, come scrisse il poeta Samuel Taylor Coleridge, innesca automaticamente una ” sospensione volontaria dell’incredulità per il momento “.

La bolla del Mare del Sud era piena di “titoli narrativi”. Tra loro c’erano aziende che affermavano che avrebbero “commerciato in capelli”, sviluppato una “pompa ad aria per il cervello “, convertito le acque reflue in polvere da sparo e persino condotto un business non specificato che avrebbe dovuto in qualche modo ” volgersi a vantaggio dei suoi investitori”.

Oggi gli investitori sono a malapena più saggi. Solo l’anno scorso, i fondi privati ​​hanno valutato WeWork, la società di condivisione di uffici che ha affermato che avrebbe “elevato la consapevolezza del mondo “, a $ 47 miliardi. Successivamente è stata ridotta di circa l’80% .

La bolla del Mare del Sud aveva allora molti critici. Ma il conformismo è una forza potente che può contrastare la gravità più a lungo di quanto si aspettino gli scettici. Le bolle non sono né razionali né irrazionali; sono profondamente umane e saranno sempre con noi.

***

Scopri il Trading Scrocchiarello per Principianti, ovvero il trading automatico semplice e per tutti.

Scopri il corso Trading Scrocchiarello per Principianti cliccando qui. Puoi vedere gratis il 10% del corso suddiviso in 4 lezioni di oltre 1 ora e mezza. Approfittane subito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here