Un articolo di oggi sul Wall Street Journal risponde a una domanda che probabilmente negli ultimi tempi vi sarete fatti più volte: perché i mercati salgono quando l’economia reale è in crisi?

Gli ultimi dati della disoccupazione negli Stati Uniti sono davvero preoccupanti: oltre 30 milioni di richieste di disoccupazione, che si attesta al 14,7%, il dato più alto mai rilevato.

Nel giro di poche settimane, un decennio di guadagni di lavoro è stato cancellato. Nel frattempo, la spesa dei consumatori è crollata quando le attività commerciali sono state chiuse in tutto il paese e l’attività manifatturiera si è contratta al ritmo più rapido dall’ultima recessione.

Disconnessione tra economia reale e mercati. A sinistra le richieste di disoccupazione e a destra l’indice S&P500. By Wall Street Journal

La disconnessione tra economia e mercati è diventata più netta questa settimana. L’indice Nasdaq, ricco di tecnologia, è entrato in territorio positivo da quest’anno, cancellando gran parte delle sue perdite provocate dai danni del coronavirus. 

Anche altri importanti indici statunitensi hanno registrato forti rialzi per la settimana. L’S&P500 è aumentato del 3,5%, mentre la Dow Jones ha raggiunto i 608 punti, ovvero il 2,6%. Il Nasdaq Composite ha aggiunto il 6%.

Tutti e tre gli indici hanno registrato un rialzo di oltre il 30% dai minimi del 23 marzo.

1. Scommette su un recupero a “V”

Molti analisti stanno guardando oltre i devastanti dati economici, prevedendo una rapida ripresa mentre le economie si riaprono in tutto il paese.

Molti stati stanno riaprendo, il numero di morti è in leggera flessione e tra gli analisti non c’era grande sorpresa verso gli ultimi dati sulla disoccupazione, visto il trend delle ultime settimane.

“Ci sono alcuni piccoli primi segni che la vita sta riprendendo una qualche forma di normalità”, hanno detto gli analisti di Goldman Sachs in una nota giovedì. “Prevediamo che questi piccoli segni di ripresa continueranno man mano che il Paese riaprirà gradualmente e i consumatori riprenderanno le loro attività quotidiane”.

2. I leader di mercato continuano ad aumentare

Stiamo parlando delle grandi aziende tecnologiche. Chi è abbonato al B-Club lo sa già da giorni perché ne avevamo parlato nell’Idealy Charts: il peso delle grandi aziende tecnologiche sul totale dell’indice è aumentato in modo esponenziale, forzando sui prezzi.

“L’intero mercato non è al rialzo”, ha dichiarato Giorgio Caputo, gestore del portafoglio di JO Hambro Capital Management, che ha affermato che la sua azienda ha aumentato le partecipazioni azionarie negli ultimi mesi. “È il periodo migliore per alcune aziende. È il momento peggiore per altre aziende. ”

Cinque grandi titoli tecnologici, Amazon, Apple, Microsoft, Google e Facebook costituiscono insieme circa il 20% dell’S & P 500. D’altronde i titoli tecnologici sono quelli che meglio hanno superato la crisi da lockdown, proprio perché erano gli unici disponibili per i cittadini.

Nel frattempo, l’intero settore energetico costituisce solo circa il 3% dell’ampio indice di borsa. Ciò significa che le aziende che hanno sofferto di più hanno poca influenza sulla direzione del mercato. Quest’anno il settore energetico è sceso del 35%, in concomitanza con un crollo dei prezzi del petrolio, rendendolo il settore con le prestazioni peggiori sul mercato.

3. Le aspettative sugli utili societari rimangono elevate

Si prevede che gli utili registreranno un calo del 14% nella stagione degli utili del primo trimestre, che segnerebbe il calo maggiore dal 2009, secondo FactSet, prima di scendere ulteriormente nel corso dell’anno. Gli analisti stanno proiettando gli utili al minimo nel trimestre in corso con un calo del 41% e in aumento del 13% nel primo trimestre del prossimo anno.

Gli analisi di JP Morgan stanno prevedendo un ritorno ai massimi precedenti entro la prima metà del 2021.

Previsione degli utili

4. Le vecchie abitudini sono dure a morire

Questo punto riassume la fiducia degli americani verso la propria economia. In effetti, a ogni crollo, sorge il problema di quando acquistare per approfittare dei prezzi bassi, non de se farlo.

Va di moda un detto che spiega bene questo concetto: TINA, ovvero There Is No Alternative to stocks.

5. Il sostegno della Fed

Le misure della Fed e del governo degli Stati Uniti hanno sostenuto il recente rally su tutti i mercati. La Fed ha chiarito che era disposta a intervenire per sostenere l’economia. Perché scommettere contro il mercato quando la banca centrale è disposta a farlo?

***

Da lunedì 11 maggio sarò live ogni sera alle 18:30 per un viaggio nel trading automatico.

Mi trovate sulla mia pagina Facebook (clicca qui) e su Youtube (clicca qui).

Avremo modo di parlare e ci sarà un ampio spazio dedicato agli spettatori con domande e risposte.

Ecco il programma delle dirette:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here